Goddess

“- Prestami cinquanta pesos, padrone – chiese allora lei. – E’ una bella somma. Perché la vuoi? – Per un biglietto del treno, un vestito rosso, un paio di scarpe col tacco, una bottiglia di profumo e per farmi la permanente. E’ tutto quello che mi serve per cominciare. Glieli restituirò un giorno, padrone. Con…

Una pera poco pretenziosa

“Rimpianti, rimorsi, pentimenti, son gioie di un tempo; vedute di spalle. A me non piace guardarmi indietro, e abbandono alla lontananza il mio passato come l’uccello, per spiccare il volo, lascia la sua ombra. Ah Michel, ogni gioia ci attende sempre, ma vuol trovare il letto vuoto, essere la sola, e che si arrivi ad…

Tiramìflora

“ Della gente si frappose tra di loro, sbarrandogli la strada, togliendogli la vista. Lui l’inseguiva, lei cambiò marciapiede. Le guance di lei erano colorite, gli occhi beffardi; lui era un avventuriero, senza scrupoli pensò, svelto, ardito (appena sbarcato com’era la notte scorsa dall’india); sì un romantico pirata, indifferente a tutte quelle stramaledette banalità, vestaglie…

Zucchine gonfie

” Quando i miei occhi si furono abituati al buio contai almeno una trentina di rifugiati. Sedevamo spalla a spalla addossati alle pareti, mangiavamo pane con datteri e mele. La prima notte tutti gli uomini pregarono assieme. Uno dei rifugiati disse a Baba: « Dio ci salverà tutti. Perché non gli rivolgi la tua preghiera?…